Samburu Kenya: Samburu National Reserve

La riserva nazionale di Samburu si trova a nord est del Kenya ed è una delle nostre mete preferite per i safari con partenza da Nairobi.

È una riserva nazionale non molto grande, 165km2, ma che insieme alla confinante riserva di Buffalo Springs e la più piccola Shaba formano un ambiente protetto di dimensioni molto più grandi costituito dal bioma somalo-Masai, ovvero una savana semi arida caratterizzata da pianure aride intervallate da fiumi asciutti e non, con cespugli spinosi, acacie e le affascinanti palme doum in prossimità della poca acqua. Si tratta di un ambiente di una bellezza selvaggia ed aspra, dove la sabbia e la roccia si mescolano alle palme doum creando paesaggi drammatici e spettacolari con lo sfondo di spettacolari monti granitici.

La riserva Samburu è divisa dalla Buffalo Springs National Reserve dal fiume Ewaso N’giro, un serpente di acqua marrone (Ewaso N’giro in lingua maa significa proprio questo, “acqua marrone”) che diventa l’unica fonte di acqua durante la stagione secca, attirando molti animali lungo le sue rive.

Il fiume serpeggia con i suoi meandri tra pianure accecate dal sole e colline e montagne che creano un bellissimo background. Essendo molto largo il fiume si abbassa fino a formare spiagge e isole di sabbia dove spesso se ne stanno distesi al sole i coccodrilli del Nilo. Il corso del fiume è punteggiato dalle palme doum con la loro forma a candelabro, lungo le rive in alcuni punti si trovano aree di fitta vegetazione con acacie e a volte giganteschi fichi che creano zone di ombra e fresco ben diversi dall’arido paesaggio circostante.

I “SAMBURU FIVE”, ELEFANTI DI SAMBURU E LEOPARDI

Nonostante si tratti di un ambiente semi arido e dunque avaro di risorse, qui a Samburu troviamo moltissimi mammiferi ed oltre 450 specie di uccelli. Sono presenti i mammiferi che possiamo trovare anche in altre zone del Kenya ma oltre a questi troviamo anche specie di piante ed animali endemiche associati agli ambienti aridi e quindi non presenti in altre zone. Nel parco Samburu però, oltre ad ammirare elefanti, leoni, zebre e diverse varietà di antilopi, anziché andare in cerca dei famosi “big five” cerchiamo di avvistare invece i “Samburu five” ovvero le specie di animali tipici di Samburu e del bioma Somalo-Masai che difficilmente si potrebbero avvistare altrove: la Zebra di Grevy, l’orice Beisa, lo struzzo Somalo, il gerenuk e la giraffa reticolata, anche se non viene listato tra i Samburu Five anche il Kudu maggiore merita una menzione in quanto non facile da avvistare o addirittura non presente in tutti gli altri parchi e riserve del Kenya.

Solo l’avvistamento di questi particolarissimi animali meriterebbe tutto il viaggio,  oltre a questi comunque Samburu ospita una popolazione di circa 500 elefanti, peraltro molto studiati e seguiti da diversi progetti di ricerca, tra i quali Save The Elephants. L’affascinante immagine degli elefanti che si abbeverano nello scenografico Ewaso Ng’iro o che scavano nella sua sabbia alla ricerca di acqua è forse l’immagine più rappresentativa di questo incredibile luogo. A Samburu gli elefanti sono molto tranquilli e rilassati e si avvicinano incredibilmente fiduciosi ai mezzi dandoci la possibilità di ammirarli davvero da vicino!

Anche la zebra di Grevy merita un discorso a sé, molto più grande della zebra comune, ha la testa molto più pesante con orecchie molto rotonde e soprattutto una zebratura differente che la rende inconfondibile. Così come inconfondibili sono le giraffe reticolate, che sembrano essere state create dalla mano di un artista più che dalla natura. Con la nostra guida andrete alla scoperta non solo di questi magnifici e diversi mantelli ma anche delle differenze, comportamentali e non solo, di queste specie tipiche di Samburu rispetto alle altre che avrete visto in altre zone.

Lasciato il fiume e proseguendo il game drive verso le colline o lungo i corsi asciutti dei fiume che segnano il territorio (i “Luggas”) troviamo un ambiente più adatto ai leopardi, ci capita spesso qui di trovarli distesi sui rami comodi di enormi acacie o su spuntoni di roccia. Non è mai facile né scontato vedere leopardi ma Samburu ci accontenta molto spesso a questo riguardo!

Anche i leoni sono ben presenti così come gli altri grandi predatori, come ghepardi e iene. 

ACCOMODATION,  IL NOSTRO LODGE PREFERITO: SARUNI SAMBURU

Oltre ai suoi animali e ai suoi spettacolari panorami a noi Samburu piace moltissimo perché ci permette di scegliere come lodge per i nostri ospiti uno dei nostri preferiti in Kenya: Saruni Samburu. Un lodge arrampicato sulla roccia, nella Kalama conservancy, adiacente alla riserva nazionale di Samburu ma con tutta la magia dell’esclusività e dell’essere lontani da altri turisti e…dal resto del mondo. A Samburu Saruni le camere , dentro le quali la natura entra sotto forma di roccia e aria, letteralmente volano sul paesaggio circostante, qui si dorme, si mangia, ci si doccia a vista orizzonte infinito sull’immenso panorama selvaggio del nord.

Essendo la Kalama una riserva privata possiamo effettuare anche game drive notturni o rimanere appostati dentro l’apposito e confortevole nascondiglio fotografico alla pozza d’acqua sotto il roccione del lodge. 

I SAMBURU, IL VIAGGIO

Chi ci conosce sa che a noi piace arrivare in auto nelle varie destinazioni safari. Per quanto anche la riserva nazionale di Samburu sia ben servita dai voli interni che la connettono con Nairobi e con altre mete di safari, per noi il viaggio da Nairobi a Samburu merita sicuramente di essere vissuto.

Samburu dista 345 km da Nairobi e solitamente aggiungiamo una notte sul monte Kenya per spezzare un viaggio altrimenti troppo lungo. La particolarità di questo viaggio è che da Nairobi si prosegue verso il monte Kenya, aumentando altitudine e ritrovandosi così ad alloggiare a oltre 2000mt sul livello del mare, in un contesto particolare e…decisamente fresco! Qui scegliamo per i nostri ospiti lodges immersi nella foresta o ambientazioni coloniali ed il giorno successivo si prosegue verso Samburu ma prima di arrivare si salirà ancora e ancora, fino a ben 2800mt sul livello del mare, viaggiando tra campagne e foreste, persi in un cielo cristallino e aria frizzante di montagna, per poi tuffarsi e scendere di altitudine in breve tempo fino a circa 800mt. Un cambio netto di altitudine, di panorami e di…etnie. Infatti passata la cittadina “somala” di Isiolo, la “porta verso il nord”, si entra decisamente in zona Samburu, un popolo cugino dei Masai, con cui condividono la lingua (il Maa) e lo stile di vita da pastori seminomadi. 

Siamo arrivati: vesti rosse e perline dai colori affascinanti, caldo, polvere, dromedari, acacie spinose, piatti monti granitici svettanti all’orizzonte e la promessa di una riserva nazionale tra le più affascinanti del Kenya: Samburu National Reserve.

Vi aspettiamo per farvi vivere il vostro safari a Samburu con noi!