Masai Mara Kenya. La grande migrazione

LA GRANDE MIGRAZIONE

Safari Kenya Blog

Masai Mara Kenya. Immaginate di trovarvi nel nulla, un immenso nulla del quale non si vede fine, al cui orizzonte si stagliano solo morbide colline oltre le quali si stende un ulteriore nulla fatto di pianure ondeggianti di erba.

La cosa più bella è che questo paradisiaco nulla non è vuoto, è letteralmente invaso di animali, di gnu soprattutto.

Migliaia di gnu, accompagnati da centinaia e migliaia di altri erbivori come gazzelle di Thompson , zebre, eland, tutti insieme fanno parte di uno dei più grandi spettacoli naturali: la grande migrazione del Masai Mara Kenya.

A cavallo di luglio e agosto due milioni di erbivori provenienti dai pascoli del Serengeti in Tanzania si riversano nella riserva nazionale del Masai Mara in Kenya.

LO SPETTACOLO DEL MASAI MARA KENYA

Lo spettacolo è grandioso, la presenza di tanti animali concentrati insieme vale l’esperienza, ma il punto culminante di ogni safari durante la migrazione è assistere all’attraversamento del fiume Mara.

Gli gnu, seguiti spesso da branchi di zebre, continuano incessantemente ad attraversare il fiume Mara, che taglia la riserva da nord a sud , ed il suo affluente Talek. Naturalmente alla continua ricerca di pascoli più verdi dall’altra parte.

L’attraversamento è reso rischioso dalle ripide sponde, dalla forte corrente e dai massi rocciosi ma soprattutto dagli enormi coccodrilli del Nilo che sono i protagonisti più truci della grande migrazione al Masai Mara Kenya.

A decine, a volte a centinaia o migliaia, gli gnu , dopo lunghissime ed estenuanti attese sule rive del fiume, decidono improvvisamente di attraversare…

Ed è qui che il grandioso spettacolo della natura si tinge di sangue e diventa una cacofonia di suoni, di spruzzi, di spettacolari salti, di stremanti nuotate controcorrente, di zanne e fauci che si chiudono su individui scelti a caso o meno fortunati.

I sopravvissuti risalgono al galoppo le ripide sponde, grondanti di acqua e invasi di adrenalina, in una corsa senza tempo. Questo si ripeterà molte volte, ogni qualvolta il mega branco si troverà di fronte il fiume e all’idea che al di là il pascolo possa essere migliore.

I GAME DRIVES

Noi, durante i nostri safari al Masai Mara Kenya, assistiamo increduli ed affascinati ad uno degli spettacoli naturali più scioccanti ed allo stesso tempo più affascinanti del mondo.

Nel frastuono generale dell’attraversamento l’unico suono sono i clic delle nostre macchine fotografiche, non servono parole perché non ci sono.

Niente come la grande migrazione può essere l’esempio vivente di cosa si intende per cerchio della vita.

Quando facciamo game drives in agosto al Masai Mara Kenya nuotiamo letteralmente in mezzo agli gnu, anche quando siamo lontani dal fiume.

Il sentire questo immenso gracidio ci fa sentire piccoli, per una volta sovrastati e resi quasi insignificanti da questa moltitudine selvaggia e senza tempo.

FACT FILES

I giovani gnu, nati a febbraio nelle pianure del Serengeti, stanno attraversando per la prima volta il fiume Mara.

Lo faranno per anni, come gnu più anziani, altri, alla loro prima migrazione al Masai Mara Kenya, verranno uccisi dai coccodrilli e dai predatori.

I leoni, approfittano di questa abbondanza per cacciare a volte proprio nei punti di crossing lungo il fiume.

Gli gnu partoriscono i loro piccoli a febbraio a sud est del Serengeti, cominciano a muoversi, verso ovest, poi verso nord , seguendo un circuito in senso orario.

Quello che li muove è l’incessante ricerca di pascolo, capaci di sentire suoni e odori di un temporale ha distanza di oltre 50km. Inoltre gli gnu si mettono in cammino letteralmente seguendo le piogge.

A luglio cominciano ad arrivare al Masai Mara, attraversano il Sand River, quindi muovendosi verso le zone dove la pioggia ha fatto crescere più erba. Per agosto hanno invaso tutta la riserva.

Cosa aspettate a prenotare il vostro safari con noi a Masai Mara? la grande migrazione vi aspetta…..

Foto dal nostro ultimo safari di agosto al Masai Mara Kenya.

2018-03-01T15:51:40+00:00

About the Author: